COVID-19 come disinfettare il sistema fotografico - Fotografiadentale
20824
post-template-default,single,single-post,postid-20824,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-18.0.7,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive
 

COVID-19 come disinfettare il sistema fotografico

COVID-19 come disinfettare il sistema fotografico

Disinfezione delle attrezzature fotografiche, come affrontarla nel modo corretto.

#INFORMARSIPRIMADIFAREDANNI

Quando è necessario pulire la fotocamera? Come posso detergerla e, sopratutto, come faccio a disinfettarla? 

Queste sono le domande che da qualche giorno sono sempre più frequenti. Si avvicina la riapertura, a pieno regime,  degli studi odontoiatrici e forse è giunto il momento di fare un minimo di chiarezza su questo argomento. 

Per essere sicuri di fornirvi indicazioni certificate abbiamo pensato di avvalerci della consulenza degli esperti del centro di assistenza tecnica di Canon Italia, sito in Milano in via Mecenate, che ci hanno fornito alcune indicazioni importanti a riguardo.

Prima di tutto è importante premettere che la corretta manutenzione della nostra attrezzatura fotografica, fotocamera obiettivo e flash, dovrebbe essere effettuata ogni qualvolta vengano utilizzati. E’ vero che lavoriamo in ambienti puliti, talvolta sterili, ma la polvere e le particelle di acqua e saliva che possono depositarsi sulla fotocamera vanno pulite ed eliminate sempre.

Oggi con il problema del COVID-19 questi accorgimenti valgono doppio. La protezione della fotocamera è diventata fondamentale per evitare la diffusione del virus all’interno dello studio.

Soprattutto perché, ad oggi, non esiste un prodotto disinfettate specifico per gl iapparecchi fotografici. Il problema delle sostanze disinfettanti è l’aggressività sulle parti della fotocamera e(o sulle lenti degli obiettivi, la parte più sensibile al problema. 

Per complicare le cose aggiungiamo il fatto che lo strato antiriflesso degli obiettivi fotografici, con un’errata detenzione, può essere danneggiato. 

Ma allora come sposiamo proteggere la nostra attrezzatura e noi stessi da un eventuale contagio?

La fotocamera può essere protetta con un involucro di nylon trasparente ad alta resistenza, uno spessore che non deve permetterne la lacerazione, anche accidentale.

Se non si dispone di un involucro della dimensione adatta ad ospitare fotocamera e flash è possibile utilizzare due sacchetti differenti e fissarli tra loro con nastro adesivo resistente. 

In questo caso è importante che l’involucro sia completamente sigillato. 

Con questo sistema di protezione l’unico elemento del sistema fotografico che rimane esposto agli agenti infettanti è la lente frontale dell’obiettivo.  

Per proteggerla possiamo utilizzare un filtro fotografico protettivo in vetro, uno di quelli che si avvitano alla ghiera porta filtri dell’ottica, acquistabile nei negozi di prodotti fotografici.

Se non abbiamo la possibilità di utilizzare un filtro potremo lasciare scoperta la lente frontale e procedere poi alla sua disinfezione con un prodotto disinfettante. 

Terminato l’uso ai fini fotografici, sul paziente, è importante rimuovere l’involucro protettivo dalla fotocamera senza toccare con i guanti il corpo della macchina fotografica. 

La prima cosa da fare dopo la rimozione dell’involucro di nylon è procedere con la disinfezione della lente frontale dell’obiettivo. Questa operazione è piuttosto delicata e deve essere effettuata in due fasi.

  1. Eliminare eventuali tracce di polvere secca con un getto d’aria, aspirando i residui senza contaminare le zone adiacenti dello studio.
  1. Spruzzare dell’alcool isopropilico al 99% su di un panno in microfibra, a trama fine, e detergere la lente dell’obiettivo partendo dal centro dell’ottica con un movimento a spirale. Questa è la parte dell’operazione più delicata. L’alcool isopropilico è molto volatile ma anche piuttosto aggressivo quindi evitare di strofinare con troppa energia sulla lente, onde evitare problemi di righe sulla lente stessa. 

Attenzione però a non detergere le parti della fotocamera in gomma, o in pelle, del corpo della fotocamera perché la natura alcolica di questa soluzione le potrebbe danneggiare. 

Per detergere le parti del corpo macchina che non sono state esposte ad eventuali agenti infettanti, è possibile utilizzare un prodotto per per la pulizia dei contatti elettrici quale lo Svitol Professional Contact Cleaner. Questo prodotto può essere utilizzato spruzzandolo prima su di un panno in microfibra e, per la parti più ostiche può essere applicato con uno spazzolino da denti. 

In alternativa, si può utilizzare acqua miscelata con una minima quantità di detergente (neutro). Ovviamente applicando la soluzione con una spugnetta inumidita per poi asciugare tutto con una panno in microfibra.

 

Come accennato all’inizio dell’articolo, ad oggi, in base alle nostre ricerche non sono presenti in commercio prodotti specifici per la disinfezione dei sistemi fotografici. Appena avremo informazioni a riguardo vi aggiorneremo. 

Alessandro Tiraboschi
alessandro@fotografiadentale.it
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.